domenica 6 settembre 2009

Il cielo su firenze e gli asini volanti

Oggi a Firenze c'era un cielo azzurro limpido da far paura. E nel cielo neppure una scia. A dire il vero anche ieri era azzurro mica male, ma qualche breve scia persistente ogni tanto si vedeva.

Ma gli aerei dove erano finiti? Be', tutti lì, bastava cercarli. Ne ho contati una decina, in poco più di 20 minuti, prima di stufarmi. Quello qui accanto era un puntino ad occhio nudo (quindi difficilissimo da mettere a fuoco), circa 42 km ad est di Firenze. Le ali sono invisibili per la distanza, e come si vede è bianco, senza contrassegni né finestrini.

Mentre lo fotografavo l'occhio mi è caduto su un altro oggetto che si muoveva velocemente nel cielo. Non poteva essere un aereo, gli aerei non sono fatti a "U", rovesciata e non si muovono in quel modo. Con lo zoom al massimo ho risolto l'arcano, era un asino volante. O più probabilente un cane volante.

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Nella prima foto zret vedrebbe il prodotto di retroingegneria aliena

markogts ha detto...

Qui a TS sabato scie bellissime, quelle persistenti ma sottili, con cielo azzurro. Domenica cielo sereno, uno dei più bei tramonti dell'anno.

PS Io ho grosse difficoltà a trovare aerei senza scia. Come hai fatto?

underek_ ha detto...

No anonimo. Quello nella prima foto è un sigarone volante oltre ogni ragionevole dubbio. Anzi, è un sigarone volante a coppie di due. L'altro non si vede perchè è olografico. Ma c'è.

mastrocigliegia ha detto...

Scusa, ma qualche breve scia persistente non è un ossimoro? o erano scie on/off?

mc

Gianni Comoretto ha detto...

Come vedere gli aerei senza scia a 40 km? Ci vuole un bel cielo blu su cui gli aerei bianchi staglino, buona vista (quell'aereo era 3 minuti d'arco, 1/10 della Luna) e allenamento.

Altrimenti vedi solo gli aerei in un cerchio di una decina di km, e il numero va con l'aera.

Oggi il cielo era molti meno azzurro (almeno verso ovest), e gli aerei lasciavano spesso scie. Ma se ne vedeva molti anche senza, credo di aver rivisto quello di ieri. Il cane volante no, oggi i bimbi col palloncino sono stati più attenti.

Chtorrian ha detto...

Ecco finalmente, dopo anni ed anni, il primo seppur esiguo e misero straccio di prova a favore delle scie chimiche!!!
Non siamo ancora alla dimostrazione completa della loro esistenza, ma il famoso teorema:

"Le scie chimiche esistono"

trova oggi la dimostrazione proprio del suo primo lemma:

"E gli asini volano",

che ne esprime una condizione necessaria ma non sufficiente.

Aspettiamo ora che la dimostrazione completa della tesi scaturisca rigogliosa dalla mente matematicamente "compatta" (ovvero: chiusa e limitata) dei nostri ricercatori indipendenti.

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.